SAILING

Un modello di trasformazione digitale per la resilienza

Il progetto SAILING, ideato e realizzato con il supporto di Fondirigenti, intende definire, attraverso il coinvolgimento diretto delle imprese con metodi partecipativi e strumenti per la digital collaboration, un modello di trasformazione digitale per supportare la resilienza e lo sviluppo delle imprese.

In particolare sono affrontati tre aspetti fondamentali legati alla digital transformation: organizzazione del lavoro da remoto (smart working), utilizzo di strumenti digitali nell’ambito dei processi produttivi, (smart production) e necessità di nuove competenze organizzative (smart leadership).

L’iniziativa prende l’avvio dalla crisi economica e sociale causata dalla pandemia, ma intende veleggiare verso il futuro delle aziende.

Fondirigenti

L’obiettivo è mettere a punto di qui a sei mesi un insieme di metodi e strumenti per supportare le imprese nell’attuare la trasformazione digitale, testarli presso le aziende partecipanti e consegnare a Fondirigenti un modello replicabile che garantisca alle imprese una migliore capacità di resilienza e sviluppo futuro. Il percorso si concluderà con lo sviluppo di un indice di misura della capacità di resilienza delle imprese – il Business Resilience Index – sull’esempio di quelli realizzati per misurare la resilienza di città e territori.

Il progetto prevede una prima fase esplorativa per condividere buone pratiche, analizzare le criticità riscontrate nella propria esperienza di risposta alla pandemia, sia con momenti di lavoro in gruppo, sia con incontri individuali con gli esperti di smart working, smart leadership e smart production.

La seconda fase del progetto consisterà nel co-progettare il modello per la resilienza. Anche in questo caso, a distanza, grazie all’utilizzo di diverse piattaforme di digital collaboration e testarlo nelle proprie aziende per verificarne l’impatto.

Infine, la formalizzazione, a cura di Torino Wireless, del modello replicabile di trasformazione digitale per la ripresa e la resilienza delle imprese.

28 piccole, medie e grandi imprese piemontesi sia del settore manifatturiero (dall’automotive, all’aerospazio, dalla meccanica di precisione alle macchine utensili) che dei servizi collegati alla produzione (informazione, sicurezza, trasporto, distribuzione)